Senza categoria


IN VIAGGIO VERSO MANTOVA

IN VIAGGIO VERSO MANTOVA

admin

settembre 1st, 2017

0 Comments

Sarà un inverno fuori porta, di quelli con la valigia sempre pronta. Verona, infatti, non sarà l’unica location per la stagione invernale di Eventi, ma sarà affiancata da un’altra città: Mantova.

Un legame che vive da anni quello con il capoluogo lombardo, ormai solido e consolidato, ribadito quest’anno dal grande concerto di Sting lo scorso 28 luglio in Piazza Sordello, un successo di pubblico che ha inevitabilmente portato Eventi a ideare una programmazione invernale che toccasse anche la città dei Gonzaga.

Ecco allora puntare sul sicuro: dopo i sold out di Pucci, Giacobazzi e Sgarbi in territorio veronese, i due artisti della risata e il critico più irriverente dei nostri tempi fanno tappa, rispettivamente il 9 novembre, 6 dicembre e 11 febbraio, al Gran Teatro Palabam di Mantova, in compagnia di un’imperdibile novità: il musical Mamma Mia! con un cast tutto italiano in scena per due serate, il 16 e 17 gennaio.

Sarà l’In…tolleranza zero di Pucci a dare il via alla stagione mantovana. Il nuovo spettacolo del comico milanese, sostenuto musicalmente dalla Zurawski live Band, renderà esilarante la fatica del vivere a 50 anni, l’interagire con nuove e incomprensibili mode, nuove tecnologie, l’educazione dei figli e le loro devastanti e dispendiose attività extrascolastiche. Pucci, appesantito dagli acciacchi del mezzo secolo, racconterà di come ha rivoluzionato la sua vita con esami clinici, esercizi fisici ed un nuovo tipo di alimentazione per rimanere in forma e vitale. Protagonista la quotidianità di tutti noi, che ci rende uguali di fronte alle prove che tutti i giorni la vita ci presenta.

Anche Giuseppe Giacobazzi porrà l’attenzione sulla coesistenza di generazioni diverse, una contrapposizione che è il punto di partenza di “Io ci sarò”, uno spettacolo in cui il comico immagina di poter parlare ai suoi nipoti, adeguandosi ai loro tempi, provando ad usare le loro tecnologie, moderne oggi, ma che domani comunque saranno vecchie.
“Ho pensato di lasciare un “videomessaggio” che possa spiegare ed eventualmente interagire con i miei possibili futuri nipoti – spiega il comico – Mi rendo conto di essere un genitore di 53 anni con una figlia di 3 e quindi mi sono ritrovato a pensare: Riuscirò a vedere i miei nipoti e nel caso li riesca a vedere a rapportarmi come fa un nonno e quindi a viziarli, a giocare con loro, a parlarci e raccontargli delle storie, cercando di dare consigli che non verranno sicuramente ascoltati, a spiegargli anche questo buffo movimento di sentimenti che è la vita?
La vita, la mia vita, per come l’ho vissuta, per dove l’ho vissuta, per gli anni che l’ho vissuta, per chi l’ha vissuta con me.”
Uno spettacolo che riflette e fa riflette sulle sfaccettature della vita. Una riflessione fatta inevitabilmente, davanti al pubblico.

Una terza riconferma, ma solo per metà. Dopo aver incantato il pubblico veronese con “Caravaggio”, Vittorio Sgarbi arriva al Gran Teatro Palabam esplorando l’universo artistico di “Michelangelo”.
La stupefacente arte di Michelangelo Buonarroti si farà palpabile alle molteplicità sensoriali, attraversate dal racconto del Prof. Vittorio Sgarbi, contrappuntate in musica da Valentino Corvino (compositore, in scena interprete) e assieme alle immagini rese vive dal visual artist Tommaso Arosio. Verrà così ricomposto un periodo emblematico, imprescindibile ed unico nell’arte, e assieme all’ambizione di scoprire un Michelangelo inedito, non resterà che farci sorprendere.
DoppioSenso è un progetto di Valentino Corvino e Tommaso Arosio, dedicato allo studio delle relazioni profonde esistenti tra suono e immagine. Linguaggi, tecnologie e immaginari della contemporaneità rielaborati e messi alla prova nello sviluppo di opere sceniche, performance ed installazioni.

La nuova sfida si chiama “Mamma Mia!”, (16 e 17 Gennaio) il famoso musical con le splendide canzoni degli Abba e prodotto, per l’Italia, dalla PeepArrow Entertainment e Il Teatro Sistina con la regia di Massimo Romeo Piparo.
“Mamma Mia!”, che da quasi 20 anni racconta l’appassionante storia della giovane Sophie, che alla vigilia del matrimonio realizza il proprio sogno di essere accompagnata all’altare dal padre che non ha mai conosciuto prima, approda finalmente nel nostro Paese in una inedita versione interamente rinnovata e creata da un team esclusivamente italiano, che ha realizzato tutto lo spettacolo, dalla regia alle scenografie, dalle coreografie ai costumi, traducendo integralmente i dialoghi e le 24 canzoni degli Abba (non mancheranno brani come Mamma Mia!, Dancing Queen, The winner takes it all e Super Trouper) suonate dal vivo dall’orchestra. Tra i protagonisti, tre volti noti al pubblico italiano per la loro carriera televisiva e cinematografica: nei panni dei “probabili” papà di Sophie, interpretata da Sabrina Marciano (reduce da una clamorosa affermazione nel ruolo della maestra di danza nell’acclamato Billy Elliot) arriveranno Luca Ward, Paolo Conticini e Sergio Muniz.
Rispetto alla versione ufficiale, il musical ideato da Piparo, preferisce allo stile ‘minimal’ inglese una messa in scena più ricca e spettacolare. Grandissime sorprese offre la nuova ambientazione che lascerà a bocca aperta gli spettatori grazie ad un pontile sospeso su vera acqua di mare, con una barca ormeggiata e un vero bagnasciuga. A rendere tutto più reale ci penseranno poi gli 11 mila litri di acqua in scena, le pedane girevoli, una locanda dai caratteristici colori nelle sfumature del bianco e del blu e la bouganvillea alla finestra, tanto che sembrerà davvero di trovarsi nelle atmosfere tipiche di una incantevole isoletta del Mediterraneo.
E quando si chiuderà il sipario le sorprese di certo non finiranno, grazie a una speciale ‘appendice’ tutta da ballare: al termine dello spettacolo infatti il pubblico potrà scatenarsi sulle note in versione ‘disco’ della colonna sonora del musical.
Il cast è composto da oltre 30 artisti, l’orchestra dal vivo è diretta dal Maestro Emanuele Friello, le coreografie sono di Roberto Croce, le scene di Teresa Caruso, i costumi di Cecilia Betona, il suono di Alfonso Barbiero, le luci di Daniele Ceprani, la produzione esecutiva di Peeparrow Entertainment.

Tutto è pronto. Non resta che partire. Destinazione Mantova

Comments are closed.

parajumpers pas cher parajumpers pas cher parajumpers pas cher parajumpers pas cher parajumpers pas cher golden goose outlet golden goose outlet golden goose outlet golden goose outlet golden goose outlet sac goyard pas cher sac goyard pas cher sac goyard pas cher sac goyard pas cher sac goyard pas cher woolrich outlet woolrich outlet woolrich outlet woolrich outlet woolrich outlet